Fondata dai portoghesi come São Salvador da Bahia de Todos os Santos e oggi ufficialmente chiamata soltanto Salvador, Salvador De Bahia è la terza città più popolosa del Brasile, dopo San Paolo e Rio de Janeiro, e la maggiore della regione del Nord-Est. la città si affaccia sull’Oceano Atlantico ed è dotata di numerose spiagge lungo la costa, tra cui spiagge urbane come Itapua, Pituba, Artisti, e Porto da Barra. Le spiagge della città attirano sia gli abitanti locali che i turisti, principalmente a causa della piacevole temperatura dell’acqua. Su quasi tutte le spiagge ci sono ristoranti tipici, i beach bar, dove vengono solitamente preparati piatti di pesce assieme a varie bevande, in particolare birra servita molto fredda.

Cosa vedere a Salvador De Bahia

tra le cose più belle da vedere a Salvador De Bahia spicca innanzitutto il suo magnifico centro storico denominato Pelourinho  che dal 1985 fa parte della lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Il Pelourinho si sviluppa attorno ad alcune piazze: dall’Elevador Lacerda, l’ascensore di Salvador de Bahia che collega la Città Bassa con il quartiere storico, si raggiunge la terrazza della Praça Thomé de Souza, oggi sede del nuovo Comune, un tempo situato nel vicino palácio Rio Branco. Questa piazza fu ricavata nel XIX secolo dalla demolizione del convento dei Gesuiti.

Poco più a nord è situata Praça da Sé che, sviluppata a fianco della cattedrale, fonde l’antico col moderno, a metà tra il Terreiro do Jesus e la Praça Tomé de Sousa. Su di essa si affaccia il complesso della Misericordia, un tempo Santa Casa e oggi museo. Nelle immediate vicinanze lo slargo del Terreiro de Jesus, dove si affacciano la cattedrale, l’Università che ospita il Museo Afro-Brasileiro, la chiesa di San Pietro, quella del Terzo ordine Domenicano e, in una piazza contigua, la chiesa e convento di San Francesco, una delle chiese barocche più significative dell’intero Brasile.

Tra i musei, invece, importanti da segnalare sono il Museu Afro-Brasileiro, museo storico e artistico situato nell’edificio dell’Università, in Terreiro de Jesus, nel quartiere di Pelourinho che ospita una collezione di fotografie, oggetti e opere d’arte legati alla presenza africana nello Stato di Bahia, e la Fondazione casa-museo di Jorge Amado, istituzione culturale e museo di Salvador de Bahia nella quale sono raccolti l’archivio dell’autore, un centro ricerche e un museo con gli oggetti personali e le copertine delle innumerevoli edizioni delle opere di Jorge Amado in tutto il mondo.