Non tutti sanno che San Valentino è il santo patrono di Terni, una piccola città nel sud dell’Umbria, a poco più di 100 chilometri da Roma.

Il Santo fu martirizzato il 14 febbraio del 237 d.C., durante le persecuzioni dell’imperatore Aurelio.La leggenda legata a questo martire racconta dell’amore di un giovane centurione romano, Sabino, innamorato di Serapia ma impossibilitato a sposarla a causa della differenze di religione, lui pagano, lei cristiana. Serapia si ammala gravemente e Valentino, allora vescovo di Terni, prima battezza Sabino e poi unisce i due innamorati in matrimonio, che poi saranno avvolti da un sonno divino che li terrà uniti per l’eternità.

La tomba di San Valentino è custodita nell’omonima basilica nella periferia della città e ogni anno, per tutto il mese, centinaia di coppie da tutta Italia scelgono di venire a rendergli omaggio e chiedere la protezione del loro amore.

La domenica prima del 14 febbraio, quest’anno sarà celebrata il 12, si svolge la Festa della Promessa, in cui le coppie promettono di sposarsi entro l’anno.

Oltre alle celebrazioni religiose ogni anno a Terni si svolgono le “Valentiniane”, una serie di eventi che coinvolgono diversi settori: sport (Maratona di San Valentino e Gran fondo di ciclismo), musica, arte e teatro.

Quest’anno la novità corre sul web. L’iniziativa per un originale e romantico flash mob è partita da Terni ma si rivolge a tutto il mondo, l’appuntamento è per il 14 febbraio alle ore 18:00. Uno squillo di tromba darà l’inizio al bacio più lungo e popoloso del mondo.