Le isole più belle del Pacifico dove l’atmosfera è tra il magico e il romantico, offrono scenari da sogno dove celebrare le proprie nozze, seguendo le tradizione della Polinesia per iniziare un viaggio quasi mistico con la persona che si ama. L’Arcipelago di Tahiti, formato da isolotti con sabbie bianche, resort da favola e acque cristalline, offre questo per tutti coloro che decidono di regalarsi un giorno fantastico al confine della realtà per le proprie nozze.

Per realizzare un matrimonio in stile polinesiano basta solo accordarsi con i vari resort dell’Arcipelago, che sono ormai attrezzatissimi per l’evento che è da alcuni anni molto richiesto. Gli alberghi predispongono infatti di tutto il necessario per la celebrazione pensando praticamente a tutto, compresi gli inviti, la celebrazione, le danze e la coreografia. Si può optare per un matrimonio civile o uno tradizionale (seguendo le usanze del Pacifico), in pratica tutto ciò che si sognava solamente può a Tahiti tramutarsi in realtà (per info su luoghi da sogno cliccate qui).

Secondo la tradizione la sposa viene decorata di tatuaggi, incoronata con delle foglie tropicali e vestita con il tipico pareo tahitiano. A condurre le nozze sarà un sacerdote che celebrerà secondo gli antichi riti, dando agli sposi dei nomi tahitiani e stabilendo il nome del primogenito, il tutto contornato da ballerine locali e alla bellissima spiaggia come sfondo (per info su altri luoghi da sogno cliccate qui).

Per il viaggio di nozze sono previste diverse crociere nel Pacifico alla scoperta dei diversi atolli che formano uno dei luoghi più belli del nostro pianeta. Un matrimonio del genere è senza dubbio il sogno di ogni sposo anche per il completo relax che chilometri di acque e spiagge incontaminate possono dare. Si è infatti totalmente lontani dalla frenesia delle città europee e dalla confusione, ci si può dedicare completamente alla persona amata come se per quei giorni il mondo appartenesse solo alla giovane coppia (per info su luoghi romantici cliccate qui).

photo credit: jorgemejia via photopin cc