Una mostra al MAO di Torino celebra l’arte orientale attraverso il manufatto dello specchio.

Sarà ospitata per la prima volta a Torino, presso il MAO (Museo d’Arte Orientale), una collezione di 125 specchi di provenienza orientale, realizzati prevalentemente in Cina, e, almeno per quanto riguarda il nucleo principale dei manufatti in esposizione, tra il V secolo a.C. e il X sec. d.C. 

La mostra, intitolata “Riflessi d’Oriente”, sarà inaugurata il prossimo 23 novembre e visitabile fino al 24 febbraio 2013. Lo scopo di questa esposizione è quello di far conoscere al grande pubblico l’importanza di un oggetto d’uso quotidiano come lo specchio all’interno della società e della produzione artistica cinese e asiatica.

La maggior parte degli specchi in esposizione, veri e propri capolavori della tecnica metallurgica orientale, provengono in realtà da una collezione privata torinese. La mostra offre dunque ai visitatori l’occasione di un viaggio attraverso i diversi usi, implicazioni simboliche, motivi decorativi e iconografici di cui gli specchi sono stati testimoni in estremo oriente nel corso di diversi secoli.

All’interno del percorso espositivo, inoltre,  sarà approfondito il rapporto tra la produzione prettamente cinese e quella delle culture limitrofe, come quella coreana, giapponese e del sud-est asiatico in generale. Gli organizzatori della mostra hanno anche previsto, a supporto di questa iniziativa, una serie di incontri di approfondimento sul tema e l’organizzazione di visite guidate, il cui calendario sarà presto disponibile sul sito ufficiale del  MAO (www.maotorino.it).

MAO Museo d’Arte Orientale

Via San Domenico 11 Torino
Orario: martedì-domenica ore 10-18, chiuso il lunedì
Ingresso al museo: intero € 10, ridotto € 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni
INFO: tel. 011 4436927 – e-mail mao@fondazionetorinomusei.it