La Transiberiana è la linea ferroviaria più lunga del mondo, si tratta di 9226 chilometri di binari che collegano Mosca con Pechino o Vladivostok, attraversando la Russia, la Mongolia, la Cina, il Kazakhstan e l’Uzbekstan, due continenti e 7 fusi orari.

Un viaggio importante che permette al viaggiatore di conoscere a saggiare culture, tradizioni e lingue diverse, in un percorso che può durare da una settimana a quasi un mese.

Molte agenzie turistiche mettono a disposizioni pacchetti che prevedono e comprendono tutto ciò che è necessario per un viaggio del genere, dai visti necessari per passare da un paese all’altro alle visite guidate. Ma, oltre a far lievitare molto i costi del viaggio, in questo modo si perde l’emozione che questo viaggio è in grado di dare.

La Transiberiana  è un itinerario che deve essere intrapreso con il giusto spirito, pronti all’adattamento a differenze climatiche anche notevoli, al cambiamento del fuso orario e, soprattutto, con la giusta apertura mentale che permette di godere appieno della possibilità di confrontarsi con tanta diversità.

È necessaria sicuramente un’organizzazione preventiva del viaggio, soprattutto per quanto riguarda i documenti di viaggio e la prenotazione dei biglietti nelle tappe che solitamente risultano più affollate, come quella di Ulan Batar.