Il Trentino-Alto Adige, regione italiana più settentrionale e caratterizzata da catene montuose che si innalzano fino a quote altimetriche di oltre 3900 metri, è una delle più belle regioni italiane visitate ogni anno dai turisti di tutto il mondo che amano trascorrere le vacanze estive e invernali immersi negli stupendi paesaggi della regione italiana.

Trattandosi di una zona pressoché montuosa, il Trentino Alto Adige è formato da numerosissime valli che si estendono lungo tutta la sua superficie: la valle principale è la valle dell’Adige che si sviluppa da Merano a Rovereto passando per Bolzano e Trento. Altre valli trentine sono la val di Cembra, la val di Fassa, la val di Fiemme, la Vallagarina, la valle dei Laghi, la valle di Ledro, la valle dei Mocheni, la val di Sole, la Valle di NON, la Val Rendena, la Valle delle Giudicarie e la Valsugana. Sono invece altoatesine la val Passiria, la valle Isarco, la val Gardena, la val Pusteria, la val Badia e la val Venosta. La Val di Non si estende sia in Trentino sia in Alto Adige. La val Monastero, invece, si estende in Trentino-Alto Adige e nel cantone svizzero dei Grigioni.

La regione, però, è anche conosciuta per i numerosi laghi che la rendono ancora più interessante come la parte settentrionale del lago di Garda, il maggiore lago della regione e d’Italia, suddiviso tra Trentino-Alto Adige, Veneto e Lombardia, il lago di Caldonazzo, maggior lago naturale che si trova interamente nella regione, il lago di Resia, artificiale, il lago di Santa Giustina, il lago di Molveno, il lago di Tenno, il lago di Ledro e il lago d’Idro.

Cosa visitare in Trentino Alto Adige

Tra le città più interessanti da visitare in Trentino Alto Adige spicca Trento, capoluogo dell’omonima provincia autonoma della regione e città che vanta numerose chiese, con un’architettura che va dal periodo romanico all’epoca moderna. Le più importanti sono la cattedrale di San Vigilio, Duomo di Trento situato in Piazza del Duomo, la Chiesa di Santa Maria Maggiore, la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, quella di di Sant’Apollinare e l’Abbazia di San Lorenzo. La città è anche famosa in tutta Italia per i numerosi ponti che la caratterizzano e per le tante fontane che abbelliscono il suolo cittadino. Tra le altre importanti città del Trentino spiccano anche Bolzano, Merano e Rovereto. Bolzano è celebre per i  numerosi castelli e le residenze storiche sul territorio comunale o nelle immediate vicinanze: per questo motivo la conca di Bolzano è stata dichiarata la zona con la più alta densità di castelli in Europa. Tra i più importanti sono da segnalare Castel Firmiano, sede principale del Museo della Montagna ideato dal famoso alpinista Reinhold Messner, Castel Flavon, Palazzo Gerstburg, Castel Hörtenberg, Castel Mareccio e Palazzo Menz, residenza della famiglia patrizia dei Menz, banchieri settecenteschi, situato in via della Mostra, adornato all’interno di pregevoli affreschi di Karl Henrici. Merano, invece, spicca per le chiese storiche come la parrocchiale di San Nicolò, con la cappella di Santa Barbara, la chiesa di Santo Spirito, quelle di Santa Maria del Conforto e di San Vigilio a Maia Bassa. Ultima ma non meno importante è la città di Rovereto conosciuta per il castello situato sopra la centrale Piazza Podestà, ove ha sede all’interno di Palazzo Pretorio il municipio cittadino. Il primo nucleo del complesso fu costruito dai conti Castelbarco tra il XIII e il XIV secolo e poi ampliato dai veneziani nel corso della loro dominazione nel XV e XVI secolo. La struttura attuale è frutto proprio degli apprestamenti fortificatori realizzati dai Veneziani e si tratta di uno dei migliori esempi di fortificazione alpina tardo-medievale.