Sull’ isola di Tromsø, in Norvegia, è possibile ammirare, nelle condizioni climatiche più appropriate al fenomeno, l’aurora boreale, all’interno di contesto unico: quello che i viaggiatori di epoca romantica definivano come «la Parigi del nord».Lo spettacolo naturale e multicolore dell’aurora boreale, chiarito scientificamente per la prima volta dallo studioso di nazionalità norvegese Kristian Birkeland, avviene grazie alla collisione tra i raggi luminosi con il campo magnetico terrestre.

I raggi seguono il campo magnetico fino ai poli, ed è qui che avviene lo straordinario fenomeno, tale da attrarre migliaia di turisti anche in luoghi assoggettati a un clima rigidissimo e decisamente costosi.

A Tromsø, proprio per la sua posizione geografica (al settantesimo grado di latitudine, all’interno del circolo polare artico, ad una distanza di circa trecento chilometri da questo) è dunque possibile assistere allo spettacolo. Tromsø è anche sede di una università antica e certamente quella situata più a nord dell’ Europa.

Oltretutto la cittadina, nata intorno ad una chiesa in epoca medioevale, vanta una densità di ben sessantotto mila abitanti, che, date le condizioni atmosferiche, non sono pochi.

Fino a duecento anni fa se ne contavano soltanto ottanta ma oggi Tromsø, le cui prime notizie che si hanno la fanno risalire al 1252, è un luogo molto vivo.