Conosciuta anche con il nome di Lucania, la Basilicata è una delle più piccole regioni dell’Italia Meridionale che comprende le sole due province di Potenza e  di Matera, confinante a nord e a est con la Puglia, a ovest con la Campania, a sud con la Calabria, a sud-ovest ed è bagnata dal mar Tirreno e dal Mar Ionio. Il suo territorio è piuttosto variegato, particolarità che la rende una zona adatta ad ogni tipo di soggiorno o di vacanza: la sua area è prevalentemente montuosa e collinare e possiede un’unica grande pianura, la Piana di Metaponto. Le zone montuose sono formate principalmente dai massicci del Pollino, del Sirino, il Monte Alpi, il Monte Raparo e il complesso montuoso della Maddalena che costituiscono i maggiori rilievi dell’Appennino lucano. Inoltre, nell’area nord-occidentale della Basilicata è presente un vulcano spento, il monte Vulture.

Il turismo è una delle attività più importanti della Basilicata ed è principalmente caratterizzato da tre tipologie. Grazie alla notevole e affascinante storia della Basilicata, molti turisti prediligono viaggi a sfondo storico-culturale, concentrando i loro itinerari nelle città della Magna Grecia come Metaponto, Policoro e Nova Siri, nelle città d’epoca romana come Venosa e Grumentum, nelle città medioevali di Melfi, Miglionico, Tricarico, Valsinni e presso i Sassi di Matera, che costituiscono il centro storico della città e una importante testimonianza di civiltà preistoriche, rupestri e contadine iscritti nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO nel 1993.

Di grande importanza, però, è anche il turismo balneare per quanto riguarda le due coste lucane. Prima tra tutte c’è quella tirrenica, costituita principalmente da Maratea che con i suoi pittoreschi paesaggi costieri e montani, e per le peculiarità artistiche e storiche, è una delle principali mete turistiche della regione, tanto da essere conosciuta anche come “la Perla del Tirreno”. Importante è anche la costa ionica impreziosita da mete come Metaponto, Pisticci, Scanzano Jonico, Policoro, Rotondella e Nova Siri).

Ultimo ma non meno rilevante è, invece, il turismo montano-escursionistico. La Basilicata, infatti, è una regione formata principalmente da zone montuose tra le quali spicca il comprensorio del Monte Sirino, massiccio montuoso della Lucania che comprende alcune tra le maggiori vette dell’Appennino meridionale e che rappresenta l’estrema propaggine meridionale del Parco nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese. Importante da segnalare è anche il Parco nazionale del Pollino, condiviso dalle province di Potenza, Matera e Cosenza, che con i suoi 192 565 ettari è il parco naturale più grande d’Italia e prende il suo nome dal Massiccio del Pollino. Il Parco è particolarmente consigliato a chi ama il trekking e l’escursionismo in generale, ma grazie alla varietà dei paesaggi presenti in questa zona è ideale per tutti gli amanti dell’alpinismo, gli appassionati del torrentismo, del rafting, dello sci di fondo, della speleologia e della mountain bike.