La Sardegna, seconda isola per grandezza del Mar Mediterraneo e terra ricca di montagne, boschi, pianure, corsi d’acqua, coste rocciose e lunghe spiagge sabbiose, è una delle mete più incantevoli per trascorrere una vacanza. Grazie al clima mite, ai paesaggi incontaminati, alla purezza delle acque marine, la Sardegna attira ogni anno un gran numero di vacanzieri che si recano nella splendida terra immersa fra cultura, archeologia, musei, mare, montagna e pianure verdeggianti.

In questa guida della Sardegna troverete tutto quello che c’è da sapere per organizzare una perfetta vacanza sull’isola.

Le città principali della Sardegna

Tra le tante bellezze che la Sardegna offre ogni anno ai suoi visitatori, alcune città si confermano di stagione in stagione mete perfette per assaporare la cultura del territorio sardo. Cagliari, capoluogo caratterizzato dalla lunga storia e dalle varie dominazioni e influenze provenienti dall’esterno che hanno contribuito a donare alla città un’importante patrimonio culturale e architettonico, è il principale centro di affluenza turistica i cui principali centri sono Quartu Sant’Elena, Selargius, Assemini, Capoterra, Sestu, Monserrato, Sinnai e Quartucciu. Tra le altre città famose spicca anche Alghero, città fortificata da possenti torri e mura cinquecentesche collocata in un contesto ambientale di grande pregio che comprende il Parco naturale di Porto Conte e la Riserva Marina di Capo Caccia-Isola Piana. Sassari, invece, sede universitaria, arcivescovile e di corte d’appello nonché quinto comune nazionale per estensione e secondo centro dell’isola per popolazione, è ricca di chiese e di piazze che ogni anno attirano milioni di turisti. Olbia, ricca di insediamenti turistici molto conosciuti, tra i quali Porto Rotondo e Portisco, è dotata di infrastrutture che ne fanno un polo turistico molto importante per l’intera Isola, mentre Nuoro conserva innumerevoli siti architettonici e chiese che, insieme ai musei, ai teatri e alle sedi universitarie, la rendono una meta turistica davvero imperdibile.

La cultura in Sardegna

La Sardegna si conferma luogo di memorie, paesaggi ricchi di poesia, aspre realtà e sapori. Alle iniziali culture indigene si aggregarono molteplici apporti di civiltà provenienti dal mondo mediterraneo, contribuendo a formare un’eterogeneità culturale dai tratti fortemente originali. L’archeologia ha evidenziato chiaramente questa lunga evoluzione, ritrovandone tracce nel variare dell’architettura delle costruzioni attraverso i secoli, ma questo lungo cammino si riscontra anche nelle tradizioni legate intimamente all’arte delle produzioni artigianali, alle variegate espressioni musicali, alle regole interne del mondo agro-pastorale e alla cultura sarda in generale. Oltre ai musei, alle biblioteche ed agli archivi storici, sono stati riorganizzati anche i parchi archeologici e gli ecomusei, espressione viva della memoria storica del territorio.

Le spiagge della Sardegna

Le spiagge della costa Sarda sono davvero innumerevoli e sarebbe quasi impossibile riportarle tutte in questa sede. Tra le più importanti e rinomate a livello turistico, però, sono da ricordare la spiaggia La Speranza, dalla natura selvaggia e composta da una sabbia dorata, molto fine e con sassolini che rendono ancor più splendente l’acqua marina verde-azzurra, e Porto Ferro, costituita da una profonda insenatura con un’ampia spiaggia di sabbia dalle sfumature rosse e dorate che danno il nome a questo straordinario luogo naturale. Tra le altre sono da segnalare Marina di Orosei con una sabbia chiara e molto fine e acque trasparenti dall’azzurro abbagliante, S’Arena Bianca in Costa Smeralda con sabbia bianca e soffice e un mare cristallino e poco profondo, Baia Sant’Anna, con sabbia dorata e mare verde-blu, e Rena Majore, a metà strada tra Vignola e Santa Teresa di Gallura con scogli e rocce di granito circondati da una pineta che offre una zona di frescura e di ombra.

Guida della Sardegna: i servizi

Per facilitare il turismo e l’affluenza nelle diverse zone dell’isola è stata sviluppata una buona rete di servizi e di impianti portuali ed aeroportuali in grado di garantire a tutti i viaggiatori la possibilità di spostarsi senza problemi. Ben distribuiti nel territorio queste strutture collegano l’isola al continente italiano ed europeo per mezzo di linee aeree e tramite navi che partono dai porti più importanti. Durante la stagione turistica, in particolare, il traffico lungo tutte le vie di comunicazione e nelle stazioni marittime aumenta in modo considerevole e gli spostamenti nelle località interne richiedono tempo. Le strade sono spesso ricche di tornanti e panoramiche sulle quali i turisti possono ammirare le bellezze del territorio anche durante i loro spostamenti. Tramite moderne stazioni marittime e traghetti, la Sardegna è collegata con i più importanti porti italiani del mar Tirreno e del mar Ligure, ma anche con la Francia e la Spagna.