Zanzibar è un arcipelago della Tanzania, composto da due isole principali, Unguja e Pemba e da altre isolette minori.
Il territorio selvaggio, la meravigliosa barriera corallina, le acque smeraldo e le temperature tropicali lo rendono una meta perfetta anche durante la stagione invernale.
Il clima di Zanizibar è determinato dai caldi venti dell’Oceano Indiano (i monsoni) che causano improvvisi cambiamenti come brevi acquazzoni anche nelle giornate di sole.
Le temperature sono comunque costanti, la temperatura massima è di circa 30° in ogni mese dell’anno, così come le 12 ore di luce al giorno.
Il periodo migliore per visitare lo stupendo arcipelago della Tanzania va da dicembre a febbraio e da giugno a settembre, momento nel quale si riscontrano meno giorni di pioggia.
Stone Town è la capitale di Zanzibar: il suo centro storico ricco di numerose testimonianze storiche e architettoniche della cultura swahili è stato dichiarato Patrimonio Unesco.
Vicino alla città si trova l’incantevole spiaggia di Bububu, una baia tranquilla con mare calmo, punto di partenza per escursioni in barca alla scoperta dei tanti isolotti, alcuni disabitati, caratterizzati da una meravigliosa natura incontaminata.
La spiaggia di Kiwengwa è la capitale del turismo “all inclusive”: spiaggia lunga e bianca, strutture attrezzate, resort italiani e tanto divertimento la rendono la meta più amata dai turisti.
Anche la Spiaggia di Paje è una delle località preferite dai viaggiatori: la spiaggia è lunghissima, il mare color smeraldo e i fondali sono semplicemente mozzafiato.
Zanzibar dista dall’Italia circa 9 ore di aereo, si può arrivare a destinazione con volo diretto da Milano, Roma, Bologna e Verona.

photo credit: Nesos via photopin cc