Più di una volta si è parlato di come quest’anno le vacanze degli italiani, ma anche degli europei in generale, saranno molto diverse rispetto a quelle degli anni passati.

Ad incidere non solo la crisi, ma anche un senso generali di insicurezza, che porta i viaggiatori a rimanere nelle vicinanze del loro paese di provenienza.

Quest’anno, infatti, secondo il Barometro Ipsos gli europei che si metteranno in viaggio hanno scelto mete che rimangano entro i confini del continente nel 79% dei casi.

Meno viaggi dall’altra parte del mondo, complice la mancanza di un budget adeguato per sostenere non solo i costi del trasporto, ma anche quelli che si potrebbero trovare sul luogo, soprattutto in casi in cui il viaggio porta in posti dove la nostra moneta ha un minor potere d’acquisto.

Il 20% degli europei ha scelto come meta preferita la Francia, ch aumenta di 3 punti percentuali le presenze rispetto allo scorso anno, seguita dall’Italia, scelta dal 18% dei turisti europei, che, al contrario della Francia vede diminuire le presenze (21% nel 2011).

Il terzo paese per presenze in questa estate del 2012 è la Spagna scelta dal 14% dei turisti europei. Da notare, comunque, che nel totale di coloro che hanno scelto di rimanere in Europa, il 48% ha scelto una meta all’interno dei confini nazionali.