Valencia è una splendida cittadina ubicata nella Spagna Meridionale sulla sponda mediterranea, caratterizzata per le sue architetture futuristiche che vivono in una località conosciuta fin dall’epoca medievale. Valencia era infatti la patria di Bartolomeo Diaz, il famoso Cid, eroe che ricacciò i saraceni da gran parte della Spagna. In questa guida elencheremo le cosa vedere a Valencia in modo che il lettore possa decidere come muoversi.

La città è divisa in due parti, una cristiana e l’altra musulmana entrambe con la loro cinta muraria che servì per difendersi nelle fasi più cruenti della guerra. Le due principali porte medievali sono Torri di Quart e Torri di Serranos  che segnano l’inizio della città antica, perfettamente conservata nei secoli tanto che il turista sarà letteralmente catapultato indietro nel tempo (per maggiori info sulla città di Valencia cliccate qui).

Valencia offre agli amanti della cultura ben trentaquattro musei, tra cui il Museo Nazionale della Ceramica, nel Palazzo del Marqués de Dos Aguas e il Museo delle Belle Arti San Pio V, in queste gallerie si possono ammirare i capolavori indiscussi di Goya e Zuloaga, dipinti senza tempo che la storia ha conservato fino a noi (per maggiori info su Goya cliccate qui).
Assolutamente da non perdere durante una breve vacanza a Valencia è l’Acquario Oceanografico dove si potranno ammirare le più rare specie di pesci tropicali, variopinti e graziosi. Si tratta forse del simbolo della città ormai in quanto in ogni cartolina Valencia non fa che sfoggiare la sua splendida creatura, con un design innovativo e un architettura all’avanguardia che attira diversi architetti da ogni parte del mondo (per maggiori info sul Giappone cliccate qui).

photo credit: Bjørn Giesenbauer via photopin cc