Il mondo dei viaggi e dei viaggiatori incalliti sta per cambiare, è quanto previsto da uno studio condotto da Amadeus.

Nei prossimi cinque anni, stando ai risultati dello studio, le compagnie aeree saranno mainstream grazie all’ integrazione con i social network, pagamenti, servizi location-based e “push notification” .

Amadeus rivela infatti che il 16% degli intervistati usa già gli smartphone per prenotare il proprio viaggio.

Molto dipende dalla fascia d’età cui gli intervistati appartengono: se infatti prendiamo in considerazione quella compresa tra i 18-35 anni la percentuale sale al 18%, arrivando al 33% tra i viaggiatori abituali.

Il 3,4% dei consumatori utilizza sinda oggi il proprio dispositivo mobile per effettuare il check-in del volo, con un picco del 7,4% tra i viaggiatori asiatici, che sappiamo essere spesso un passo avanti rispetto agli occidentali in fatto di tecnologie avanzate.

Un trend al quale le compagnie aeree stanno cercando di adeguarsi implementando i propri servizi di “push-notification” (sarebbero tutte quelle applicazioni che notificano all’utente sul proprio smartphone determinati eventi o info attraverso messaggi, news, suoni, icone eccetera) in grado di trasferire in tempo reale informazioni aggiornate.

Non resta che aspettare il corso naturale degli eventi e attendere che entro cinque anni, stando ai dati, sarà abbastanza diffusa la tecnologia mobile e abbastanza avanzate le possibilità offerte dalle compagnie, da permetterci di prenotare il nostro viaggio direttamente dal telefono.