I paesi tropicali sono la destinazione da sogno per eccellenza, anche per i viaggiatori settembrini, tuttavia richiedono qualche cautela, soprattutto se a rischio malaria.

Prima di partire è necessario informarsi presso l’Ufficio di Igiene della propria città, per farsi consigliare la profilassi migliore da seguire.

Poi, una volta a destinazione, è comunque importante evitare il più possibile le punture di insetto indossando pantaloni lunghi e camicie con maniche lunghe.

Vanno poi utilizzati repellenti specifici, che risultano più efficaci di quelli comuni.

I pericoli portati dagli insetti però non sono gli unici a cui bisogna prestare attenzione.

Insieme alle destinazioni mediorientali i paesi tropicali sono quelli in cui si incappa più facilmente nella “diarrea del viaggiatore” causata da una flora microbica diversa dalla nostra.

Per cercare di evitarla bisogna fare attenzione a ciò che si mangia e si beve: solo cibi cotti o perfettamente lavati ancora meglio se si utilizza un apposito disinfettante, per quanto riguarda invece l’acqua questa deve provenire esclusivamente da bottiglie sigillate.

A proposito di acqua in questi paesi è sempre meglio utilizzare quella minerale anche per lavarsi i denti.

Attenzione anche all’igiene delle mani, vanno lavate a fondo più volte al giorno, utilizzando i disinfettanti specifici che si trovano in farmacia.Se l’acqua non c’è utilizzate delle salviettine.

Occhio anche al sole, a queste latitudini è molto forte non basta utilizzare creme ad alta protezione bisogna anche ritirarsi al chiuso nelle ore più calde.