Kinshasa è una città del Congo, ed è considerata una delle più importanti del paese; la sua popolazione è di circa 7.550.000 abitanti; è una città di grande dimensioni, una delle più grandi dell’Africa, dopo Lagos in Nigeria e Il Cairo.

E’ una città dove si parla in francese per la maggior parte della popolazione. La città è posta sulla riva sinistra del fiume Congo, ad un’altitudine di 300 metri sopra il livello del mare. La città venne fondata nel 1882 da Henry Morton Stanley con il nome iniziale di Léopoldville, in onore al sovrano belga Leopoldo II.

La città di Kinshasa, così come tutto il Congo, è sempre stata una città molto povera, anche se negli ultimi anni si è ripresa grazie ad alcune industrie che hanno fatto un po’ progredire la città. In questa città non ci sono tante cose da vedere, di tipo culturale o cose simili. Il bello di questo paese, sono i suoi paesaggi naturali, i suoi fiumi, le cascate e la sua natura. Se si vuole fare qualcosa anche a livello culturale, bisogna visitare la zona centrale della città che è la più moderna, dove ci sono anche alcuni musei di arte.

In questa città si mangia molto il pesce; ci sono anche altri alimenti che sono buoni e saporiti anche perché vengono usati tanti condimenti e spezie che risaltano i sapori.
Ci sono anche parecchi vini, che non sono niente male, che sono quasi tutti francesi.

I trasporti in questa città funzionano abbastanza bene; ci si sposta con dei minibus che portano un po’ di persone, ed è anche presente un servizio ferroviario che fornisci un discreto servizio.
Le temperature di questa città sono all’incirca di 30-32 gradi come media annuale, invece le temperature minime sono di circa 20 gradi. Il periodo migliore per visitare questo paese va da maggio a novembre.

In questo città c’è una vita notturna piacevole; i locali non mancano, ed addirittura è presente anche qualche discoteca , assieme ad alcuni ristoranti dove mangiare i prodotti locali.

Per arrivare a Kinshasa bisogna fare scalo a Parigi. Se si parte dall’Italia non ci sono voli diretti.