La Guyana è una nazione con circa 700.000 abitanti che si trova in America Meridionale, e confina a nord-ovest con il Venezuela, con l’Oceano Atlantico ed il Suriname ad est, e a sud col Brasile.
Questo stato offre delle possibilità turistiche di ottimo livello, che soddisfano chi ama la natura, chi ama l’avventura con diversi tipi di escursioni, che ama il sole ed il mare, in un posto non tanto conosciuto che offre tanti posti incontaminati.

La capitale delle Guyana è Georgetown, la più grande città di questo stato con una popolazione di circa 275.000 abitanti, che si trova sulla costa atlantica vicino alla foce del fiume Demerara; andando verso il centro, i suoi viali centrali sono particolarmente alberati, dove si trovano anche abitazioni coloniali fatte in legno, con mercati dove comprare prodotti esotici; andando verso la parte nord-occidentale della città, si trovano edifici importanti, fra cui la cattedrale anglicana di Saint George vicino a Main Street, una cattedrale in stile gotico che è considerata la più alta chiesa in legno al mondo; da visitare anche il Palazzo del Parlamento, costruito fra il 1829 e il 1834 fatto con un porticato a due livelli, il mercato Stabroek che risale al 1792, dove si trova anche la torre dell’orologio in ghisa, la Red House, un tipica e pittoresca casa che è montata con delle assi dipinte di rosso. Sicuramente da non perdere, è la Indipendence Square , la biblioteca nazionale, la State House, e la residenza del presidente. C’è anche qualche museo interessante, come il museo di antropologia Walter Roth.

George Town non è l’unica città interessante di questo stato, in quanto c’è anche New Amsterdam, particolarmente famosa per le sue miniere d’oro e di bauxite; interessante anche Bartica, che si trova a sud della capitale vicino alla confluenza dei fiumi Mazaruni ed Essequibo, da dove partono anche diverse escursioni, ed anche per le visite alle antiche cave. Anche Anna Regina e Linden, sono dei centri minerari di grande importanza.

Oltre a queste città, in Guyana c’è anche una natura incontaminata, con centinaia di ettari di foresta amazzonica che nascondono bellezze straordinarie: da citare per esempio le cascate di Kaieteur che sono all’interno del Kaieteur National Park, che si possono paragonare per lo loro bellezza anche alle più famose cascate del Niagara, che hanno anche la caratteristica di disegnare degli arcobaleni di goccioline d’acqua vaporizzata; molto belle sono anche le cascate di Orinduik, vicino al confine con il Brasile, che sono immerse fra i monti Pakaraima e che sono generate dal fiume Ireng; molto bella è anche la Savana Rupununi, situata nel nord-ovest della Guyana, ovvero un territorio che si caratterizza da molte praterie con una vegetazione bassa e con delle colline boschive, abitate da moltissime specie di animali selvaggi; ci sono anche degli interessanti siti archeologici, quelli di Fort Nassau e Fort Zeelandia, che sono anche i resti del passato coloniale olandese.

E’ anche presente in questo stato un turismo di tipo balneare, soprattutto verso il litorale a nord di Georgetown, con tanti chilometri di spiagge per lo più deserte, che sono chiamate Shell Beach, invidiabili anche dalle più conosciute spiagge dei Caraibiuna zona poco sviluppata turisticamente che però non ha nulla da invidiare ai più chiacchierati lidi caraibici.

Per arrivare in Guyana, si atterra all’Aeroporto Internazionale Cheddy Jagan, nella località di Timehri, a 40 chilometri circa di Georgetown, e che si può raggiungere facendo scalo ad Antigua, alle Barbados o a Trinidad. Ci sono anche dei voli diretti che partono da Miami, da New York, da Toronto, e dal Bra