Ormai non c’è nulla che un buon telefonino non possa fare, compresa la possibilità di garantirci maggior sicurezza sulle strade.

Gli smartphone più avanzati hanno infatti incorporato il software del navigatore satellitare al fine di eliminare l’impiccio di portare un apparecchio in più durante il viaggio e fare con i telefonino tutto quello che fino a qualche tempo fa non si immaginava neanche.

Per prima cosa c’è da dire che quello tra vacanzieri e i proprio smartphone è un legame inossidabile, basta pensare che il 95% dei vacanzieri europei intervistati dal network  Brocade non se ne separerebbe mai.

Lo smartphone è infatti la prima cosa, all’unanimità in tutti i ventisette paesi europei, che si mette in valigia.

Sono circa il 50% degli intervistati a desiderare la connettività per vedere file audio o video in streaming mentre sono in vacanza, anche per avere maggiori opportunità di relax e distrazione, un elemento che di certo le aziende devono tenere in considerazione visto che si tratta di una delle necessità dei viaggiatori moderni.

Attenzione però alle controindicazioni. Portare sempre con sé il telefonino, che sia in spiaggia o in montagna, equivale ad una cosa molto precisa: essere sempre reperibile.

Soprattutto per chi riesce a stento a lasciare il lavoro in città è forse meglio limitare l’utilizzo dello smartphone e godersi la meritata vacanza lontani dallo stress di tutti i giorni.