Il Museo del Prado è considerato una delle più importanti pinacoteche al mondo, che si trova nella capitale della Spagna, a Madrid.
In questo museo vengono esposte, delle opere di impotantissimi artisti italiani, ma anche spagnoli e fiamminghi, fra cui spiccano le opere di Sandro Botticelli, del Caravaggio, di El Greco, di Artemisia Gentileschi, di Goya, del Mantegna, di Raffaello, Rembrandt, Velázquez e tanti altri, questi sono solo alcuni dei più impotanti.

E’ un museo che vale la pena di visitare almeno per qualche ora, ed è consigliabile farlo nei giorni feriali, per non trovare tanta gente.

Il grande edificio dove è ospitato questo importante museo, è stato ideato da Carlo III, che si è avvalso di uno fra i suoi architetti preferiti, Juan de Villanueva, che è stato l’autore, oltre che del Museo, anche del vicino Giardino Botanico.

Le opere più famose da visitare in questo museo, sono:
il “Las Meninas di Velazquez“, che è il ritratto della famiglia reale, che è stato realizzato da Velasquez. La piccola Margherita, posta al centro quadro, ha la particolarità che vi seguirà con lo sguardo, in qualunque punto da dove verrà osservato.

La Deposizione dalla croce di Rogier Van Der Weyden, che consiste solo nella parte centrale di un grande quadro, dove sono andati persi i suoi pannelli laterali. Questo quadro rappresenta il corpo martoriato del Cristo, e quello disteso della Vergine.

L’Annunciazione di Beato Angelico, che rappresenta la Vergine che riceve l’arcangelo Gabriele. La particolarità di questo quadro, oltre alla sua bellezza, è la grande attenzione che viene data alla simbologia dei colori. La Vergine indossa un mantello azzurro, un colore associato da sempre al mondo Divino, e l’Angelo, con un colore che va sul rosa, che sta ad indicare l’essere che congiunge il cielo e la terra.

Il trionfo della Morte di Bruegel, dove sono rappresentati degli eserciti di scheletri che devastano un villaggio. In questo quadro non si ha pietà tra nessuno, tranne due personaggi in basso, che sembrano essere risparmiati dalla tragedia.

Il Giardino delle Delizie di Bosch, un quadro particolare, che consiste in un un trittico molto ricco di simboli, che è stato realizzato su due ante. Quando sono chiuse, in superficie viene raffigurata la creazione del mondo, con un’apparizione divina sulla parte alta a sinistra. Viene anche raffigurata la visione del Paradiso terrestre, che è popolato da creature che vivono in pace fra di loro. Sulla parte destra viene raffigurato l’inferno, dove ci sono delle creature demoniache che subiscono delle orribili sevizie.

Davide e Golia di Caravaggio, un quadro che fa parte delle opere che Michelangelo ha realizzato nella parte finale della sua vita.

L’andata al Calvario di Raffaello, un quadro in cui viene ritratto un momento molto doloroso della Via Crucis di Gesù Cristo. Questo quadro colpisce per la spettacolare combinazione di colori, anche per dare un tono più drammatico alla scena del Cristo, che cade sotto il peso della croce.

Questi sono solo alcune dei bellissimi quadri che sono esposti al Prado, ma qui non ci sono solo dipinti; Al Prado sono anche presenti oltre 900 sculture che parlano della storia dell’arte, dall’epoca classica fino al diciannovesimo secolo.