Piacenza è una bella città di circa 104.000 abitanti, ed è il capoluogo dell’omonima provincia dell’Emilia-Romagna. Si trova fra l’Emilia e la Lombardia, tanto che risente molto l’influenza della vicina Milano, anche in epoche storiche. Piacenza è anche soprannominata la “Primogenita” perché è stata la prima città italiana a votare, nel 1848, con un plebiscito l’annessione al Regno di Sardegna.

Il clima di questa città, è di tipo continentale, con degli inverni che sono leggermente più rigidi rispetto ad altre città della stessa regione, e dove le piogge risultano essere più frequenti. Le minime temperature registrate in inverno sono un po’ più basse alle altre città lombarde, con un clima che si caratterizza da una forte umidità, tanto che si verificano molto spesso le nebbie. L’estate è molto calda ed afosa.

La città è considerata naturalmente emiliana per la sua posizione geografica ed anche tradizioni, ma più lombarda per le sue influenze economiche e industriali di Milano. E’ sempre stata considerata in una postazione strategica, che ha anche alle spalle una lunga storia ricca di fatti bellici, con personaggi valorosi e una grande vitalità culturale, e ancora oggi offre ai propri turisti un bel itinerario fra le piazze, le strade ed i monumenti di valore, pieni di testimonianze stoiche. Uno degli edifici che vale la pena di visitare è sicuramente il duomo, che è stato dedicato a Santa Giustina e Santa Maria Assunta. Venne costruito fra il 1122 ed il 1233 e presenta delle eleganti architetture romaniche. La sua facciata è di marmo rosa e arenaria, che presenta due contrafforti, con delle gallerie cieche che sono spezzate da piccole colonne. Molto bello è il suo interno con degli elaborati affreschi che risalgono al XIV, XV e XVI secolo, che sono state opera di Camillo Procaccini e Ludovico Carracci. Ci sono anche dei bei dipinti del seicento sulla cupola, che sono stati realizzati da Pier Francesco Mazzucchelli.

Da visitar anche il Palazzo Landi, il Palazzo Costa ed il Palazzo Rota Pisaroni, che sono anche resi più piacevoli dalle diverse aree verdi che li circondano.
Accanto a questi edifici nobiliari spicca il palazzo Comunale, noto anche come “il Gotico”, che è stato voluto nel 1281 da Alberto Scoto, il guelfo reggente della città. Le decorazioni all’interno sono molto belle, in marmo rosa, con delle grandi raffigurazioni pittoriche.

Da visitare anche il Palazzo Farnese, costruito nel 1568 per volere di Ottavio Farnese, secondo duca di Parma e Piacenza . E’ rimasto incompiuto per la mancanza di fondi, anche se poi venne ripreso in considerazione, ma soltanto nel 1588 su richiesta di Alessandro Farnese e dei figli Ranuccio I Farnese e Ranuccio II Farnese. Sono stati fatti dei restauri nel 1909, e attualmente è la sede del Museo Civico, che ospita anche rassegne culturali ed eventi.
In questa città durante l’anno si organizzano anche diverse manifestazioni ed eventi, come per esempio quella del 22 maggio, quando si celebra Santa Rita da Cascia, con la Santa Messa nella Chiesa dei Cappuccini. Il 21 di giugno, vicino alla basilica di Sant’Antonino si organizza una bella mangiata a tema dove tutti devono vestirsi di bianco, e portare un mazzo di fiori ed una candela, che bisogna accendere per rendere ancora più bella l’atmosfera. Il 4 di luglio si tiene invece la festa del patroni Sant’Antonino, dove si riuniscono anche le autorità politiche e religiose della città.

Per raggiungere Piacenza in auto si deve percorrere l’autostrada A1 ed uscire a Piacenza Nord, Sud, Est o Ovest. La stazione ferroviaria si trova nel centro della città, e per chi vuole arrivare in aereo, si atterra a Milano Linate o Bologna.