Questa città è anche conosciuta per il romanzo autobiografico di Carlo Levi, dove è celebre la frase “Cristo si è fermato a Eboli” dove intendeva parlare di una zona del nostro pasese dimenticata da tutti.
Eboli è considerata una delle città più importanti della Piana del Sele, ed è circondata da dei paesaggi molto affascinanti, piena di monumenti molto interessanti.

Si posiziona in parte alle pendici del Montedoro, che rientra nel gruppo montuoso Monte Raione-Monte Ripalta, anche se ha un territorio per la maggior parte pianeggiante, che è costituito dalla piana alluvionale del Sele, dove il corso il dell’acqua delimita il territorio. Questa zona collinare fa parte anche del Parco Regionale dei Monti Picentini, dove è compreso anche la zona dei Monti di Eboli, dove sono inclusi anche i comuni di Olevano e di Battipaglia.

Eboli è una città interessante da un punto di vista storico, con tantissime testimonianze del suo passato, ricco di popoli che sono venuti da tutto il Mediterraneo. Fra le testimonianze più interessanti, c’è un sito archeologico che risale all’epoca ellenistica e romana, ovvero un complesso di fornaci che si trovano su un altura appena fuori dalla città, e che con ogni probabilità rappresnta il vecchio centro abitato di Eburum.

Da visitare la chiesa collegiata di Santa Maria della Pietà che risale al XII secolo, la chiesa di San Nicola de Schola Graeca che risale invece al X secolo, che sono le chiese più antiche della città.

Ci sono tanti altri monumenti che meritano una visita, come il castello dei Colonna, costruito nel Quattrocento e successivamente modificato nel corso del Settecento da Leonardo Vanvitelli; da visitare anche la Basilica di San Pietro alli Marmi, con un bellissimo campanile e due absidi di uno stile normanno, la chiesa di San Francesco risalente la XIII secolo, con una struttura gotica, e con un interno caratterizzato da più stili, ovvero da una fusione dello stile gotico, con delle linee settecentesche.

Eboli è bella per quanto riguarda la sua zona circostante, in un paesaggio arido anche perchè è assolato per quasi tutto l’anno. Ci sono diverse zona zone naturalistiche, fra cui spicca a pochi chilometri dalla città l’area protetta Dunale Silaris, che è nata da poco con lo scopo di preservare questo tipico ambiente costiero.

A Eboli ci sono anche tante feste popolari che si svolgono durante l’anno; fra gli eventi di maggior richiamo, si ricorda la festa di San Vito, che si tiene ogni anno il 15 giugno in onore del suo santo patrono. In quest’occasione si svolgono le funzioni religiose, con la processione della statua del santo lungo le vie principali della città. Molto apprezzati sono anche altri eventi divertenti e culinari, che sono accompagnati da molti spettacoli e concerti.

Il clima della città, è mediterraneo e si caratterizza da delle estati calde e da degli inverni miti. A Gennaio che è il mese più freddo le temperature medie vanno da una minima di 5°C ad una massima di 14°C; luglio ed agosto che sono i mesi più caldi, si va dai 20°C fino ai 30°C di massiamo.

Per arrivare ad Eboli in auto, si deve percorrere l’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria ed uscire al casello di Eboli. L’aeroporto più vicino è quello di Napoli Capodichino, a 96 km circa.