Orvieto è una città italiana con circa 22.000 abitanti della provincia di Terni in Umbria; la città si trova su una rupe di tufo che domina la valle del fiume Paglia, ovvero un’ affluente di destra del Tevere e che proprio sotto la città riceve da sinistra il Chiani, la Chiana Romana proveniente dalla Valdichiana.

Questa città, è considerato come un centro etrusco molto importante, che un tempo si chiamava con molto probabilità «Volsinii Veteres» e raggiunse il suo massimo splendore nel VI secolo avanti Cristo. In seguito ci fu un declino, fino al primo Medioevo, quando passarono i Goti, i Bizantini, ed infine dei Longobardi.

Ci sono tante cose che si possono visitare in questa città, con il suo bellissimo Duomo, un esempio di architettura romanico-gotica, particolarmente ricco di opere d’arte; questa cattedrale è nata nel 1290, ed è stata poi mandata avanti da Lorenzo Maitani che ha costruito una bellissima facciata, con dei bellissimi bassorilievi. Al suo interno si possono ammirare delle importanti opere, fra i quali spicca dei bellissimi affreschi di Luca Signorelli e il Reliquario del Corporale.

Da visitare sicuramente ci sono i Palazzi dei papi, degli edifici che risalgono al duecento che sono intitolati a Urbano IV, a Martino IV, e a Bonifacio VIII. Quest’ultimo palazzo noto anche come Palazzo Soliano, si trova il Museo dell’Opera del Duomo. Da visitare Il Palazzo del Popolo, con uno stile romanicogotico che risale al XII secolo, che ha una maestosa scala esterna ed una facciata merlata con trifore. Molto bello è anche il Palazzo Comunale, costruito nei primi anni del 1200, e rifatto nel 1500.

Come detto in precedenza si può visitare anche il Duomo, soprattutto per i suoi interni. La facciata è molto elegante, larga 40 metri ed alta 52, che è impreziosita da dei mosaici molto belli, e da un bellissimo rosone di Andrea Orcagna. Al suo interno si possono ammirare pregevoli opere d’arte ma soprattutto meritano gli affreschi della Cappella Nuova che sono stati eseguiti dal 1499 al 1504 da Luca Signorelli.

Molto interessante è anche Il Museo dell’Opera del Duomo, con dei dipinti di Simone Martini e Luca Signorelli, delle statue lignee delle Scuole fiorentina, francese e del Maitani. Non male è anche Il Museo Claudio Faina, dove al suo interno si possono ammirare diversi reperti di archeologia etrusca, con molti vasi firmati da svariati artisti, diverse monete, bronzi e un sarcofago che è stato trovato nel 1912.
Interessante è anche Il Pozzo di San Patrizio, una costruzione che è stata progettata da Antonio da Sangallo il Giovane e che è stata voluta da papa Clemente VII durante un suo soggiorno in città.

A Orvieto durante l’anno ti tengono anche molte manifestazioni, fra cui quella del Corpus Domini, la Festa della palombella, e anche tante manifestazioni enogastronomiche. In questa città infatti si mangia molto bene, con un sacco di prodotti tipici, fra cui l’ottimo vino com l’Orvieto abboccato, il secco e classico; si mangiano delle buonissime salsicce, i mazzafegati, ottimi salami, prosciutti anche di cinghiale, e molti buoni formaggi. Come dolci, tipici sono i ciambelloni con l’anice, assieme ad altri prodotti di tipo casareccio.