La Repubblica di Guinea, è uno Stato dell’Africa Occidentale che confina con la Guinea-Bissau ed il Senegal a nord, con il Mali a nord-est, con la Costa d’Avorio a sud-est, con la Liberia a sud, e con la Sierra Leone ad ovest. Nel suo territorio è presente la sorgente dei fiumi Niger, del Senegal, e del Gambia.

La Guinea è stato dominato da diversi regni africani, ed è stato anche uno dei punti principalii nella tratta degli schiavi, che causò il suo spopolamento. E’ diventata una colonia francese nel 1890, ed ha raggiunto la sua indipendenza nel 1958; fino al 1984 è stato sotto la dittatura di Ahmed Sékou Tourè ed in seguito il regime non democratico è andato avanti con la presidenza di Lansana Contè, che si è chiusa nel 2008, a casua della morte del capo di stato, in seguito ad una grave malattia.

Chi viene in Guinea, dovrebbe visitare la capitale Conakry, che se anche non ha tantissimo da offrire come attrazioni turistiche, a parte qualche bel festival musicale che si svolgono nei mesi di dicembre ed aprile, è il punto di partenza per la visita alle Iles de Los, ovvero tre piccole isole con delle belle spiagge, che si trovano di fronte alla città, verso l’Oceano Atlantico.

La zona a nord della capitale, comprende molti tipi di paesaggi e bei scenari, con delle belle spiagge come quella di Bel Air e Sobané, con dei villaggi tipici all’interno. Andando verso la zona di Dubréka ci sono le Cascades de la Soumba, che sono molte suggestive nei mesi che vanno da giugno a dicembre, ed anche le Merveilles de Soumba, un’ altra bella cittadina. l’area a nord della capitale, è chiamata bassa Guinea, ed è il punto ideale per fare le escursioni naturalistiche, delle belle passeggiate, ed arrampicate sulla roccia con il birdwatching.

Andando verso est, si va incontro alla regione del Fouta Djalon, dove è possibile anche qui effettuare escursioni, grazie a delle associazioni locali che organizzaneranno il trekking fra le montagne, escursioni fra i villaggi e anche per le cascate di questa bellissima zona. Nelle vicinanze di Dalaba ci sono le spettacolari Chutes de Ditinn, ovvero delle cascate molto alte, e le Chutes de Garaya. Si possono fare anche delle nella zona di Pita, alle Chutes du Kinkon, ed anche nelle suggestive Chutes de Kambadaga.

Se si va verso l’interno, si può entrare nella regione dell’Haute Guinée, dove si potrà ammiare un paesaggio completamnte diverso rispetto al verde della Bassa Guinea. Qui il paesaggio tipico è la savana, che è abitata dal popolo dei malinké. In questa zona una delle cittadine più belle è Faranah, sulle sponde del fiume Niger. Questo è anche il punto di partenza per le escursioni al Parc National du Haut Niger, da farsi però con una guida locale che saprà indicare i bellissimi animali locali.

Un’altra bellissima escursione, soprattutto per gli amanti della natura è il Monte Nimba, la principale altura della Guinea che si trova nella remota Regione delle Foreste, che si trova all’estremità meridionale della Guinea, vicino alla Costa d’Avorio e della Liberia.

Per arrivare in Guinea in aereo dall’Europa, si atterra all’aeroporto internazionale di Conakry-G’bessia, a 15 chilometri circa dalla capitale, dove bisogna fare scalo a Parigi e Bruxelles.
Per chi arriva dall’Africa ci sono voli diretti dal Mali, dal Senegal e dalla Costa d’Avorio.