Cotonou è una città del Benin, ed anche la più  popolata di
questo stato, ubicata  nella parte sud-orientale del paese, tra l’Oceano Atlantico e il lago Nokoué. La sua popolazione è di circa 760.000 abitanti. Pure non essendo  la capitale del paese, Cotonou è comunque considerata per quanto riguarda l’economia la più importante del Benin, dove tra l’altro si trovano anche il palazzo presidenziale e la maggior  parte degli uffici governativi e le sedi diplomatiche. In questa città si trova anche  il principale porto del Benin e l’aeroporto internazionale. E’ una città in forte espansione dove vengono prodotti,  olio di palma, birra, manufatti tessili e cemento, e questa città è anche  un esportatore di bauxite ed il ferro.

Cotonou non ci sono tantissime cose da visitare, anche se l’Unesco,  ha inserito nella lista del PatrimonioMondiale dell’Umanità  il Palazzo Reale
di Abomey. Questo palazzo rappresenta sicuramente il simbolo della città, dove
tra l’altro si sono succeduti  12 re nel governo del Regno di Abomey. Ci sono anche alcuni  musei che meritano una visita, come il museo d’Abomey,  il Forte Portoghese di Sao Joao, e il Parco National de Pendjari, dove vivono molti  leoni , leopardi, elefanti e molti  altri animali.

La cultura del Benin è molto varia: la cucina è stata influenzata da diversi popoli che sono passati per questo paese; uno dei piatti più conosciuti è Il calau, che si tratta di una zuppa di verdure, carne e crostacei ed è considerato  il piatto principale  della città. Molto buone sono anche le minestre e gli stufati, come la  buona  zuppa di gombo e pesce.

Per muoversi a Cotonou,  ci si sposta anche per mezzo di  una linea ferroviaria. Le strade sono tenute abbastanza bene, ci si sposta con dei mezzi tipo  moto-taxi che sono chiamati zémigiàn. Il sistema dei trasporti pubblici è comunque inefficiente; la linea ferroviaria è vecchia e ricopre una  parte limitata  del paese.

Il clima di Cotonou ha una caratteristica di  clima caldo e secco. Il periodo migliore per visitare la città, va nei mesi che vanno da dicembre fino ad aprile.

La vita notturna è piacevole; non ci sono tanti posti comunque per divertirsi, e le attrazioni migliori sono organizzate negli hotel, con serate dove si balla e si suona
musica etnica e locale.

Per arrivare a Cotonou, si arriva in aereo, in quanto la città è collegata con  le principali mete europee. Bisogna fare scalo a Parigi, Amsterdam o in altri  paesi africani, a seconda della compagnia aerea scelta.