Non sono pochi coloro che stanchi dell’Italia e della sua crisi economica decidono di cambiare via e dirigersi verso qualche Paese tropicale. Tra questi una meta senza dubbio gettonata è il Brasile, con le sue spiagge dorate e le bellezze naturali che offre. Lavorativamente parlando non è una delle mete più consigliate, anzi, anche in Brasile ci sono diversi e seri problemi economici, ma dal punto di vista del mare e della natura probabilmente non ha rivali. In questa guida vi spiegheremo l’iter da seguire per vivere in Brasile (per info sul Brasile cliccate qui).

Uno dei luoghi più indicati per fuggire dal vecchio continente è l’isola di Tinharé, che ha il suo paradiso nel villaggio Morro de Sau Paulo, 60 chilometri a sud di Salvador de Bahia. In questa località si può trovare tutto ciò che si spera di trovare in un Paese tropicale in quanto vi sono splendide e lunghissime spiagge veramente da sogno (per altre info sul Brasile cliccate qui).

Per vivere in Brasile bastano 800,00 euro al mese per vivere agiatamente. Il salario medio è di 200,00 euro al mese e un affitto può variare dai 150,00 ai 500,00 euro. Una villa con piscina a due piani non costa più di 350000,00 euro. Per i voli se ne possono trovare di economici anche a 500,00 euro, basta prenotarli con largo anticipo. L’immigrazione non è particolarmente rigida, si entra con il passaporto con validità di almeno 6 mesi e si può cercare li tranquillamente un impiego o aprire un’attività. Una scelta saggia è quella di aprire una piccola impresa con la liquidazione che si è avuta in Italia. Un nuovo futuro potrebbe attendervi (per ulteriori info sul Brasile cliccate qui).

photo credit: Rodrigo_Soldon via photopin cc