Sembra impossibile e per ora la società Ryanair, leader tra le compagnie aeree low cost, mantiene il silenzio ma le voci sono molto più che dicerie ed è quasi certo che da aprile la tratta voli Ryanair che collega Bergamo a Roma Ciampino non verrà più eseguita. Per ora collegandosi al sito web, dove si effettuano le prenotazioni Ryanair, l’ultimo volo disponibile da Roma Ciampino allo scalo bergamasco di Orio risulta essere quello di sabato 29 marzo, dopo di che non sembra ci sia più quella tratta (per info sui voli Ryan cliccate qui).

Naturalmente tutto deve essere preso con le dovute cautele in quanto la compagnia aerea non ha ufficializzato nulla. Potrebbe essere dovuto al graduale spostamento dei voli della compagnia irlandese da Ciampino a Fiumicino, ma dopo il 29 marzo non vi sono voli che collegano Orio alla capitale. Nessuna informazione è data neanche dalla società Sacbo, che gestisce lo scalo dell’aeroporto di Bergamo. Tutto fa pensare che la società aerea low cost non veda più conveniente la tratta Roma-Milano, e una delle cause potrebbe essere l’ormai entrata a regime alta velocità, che favorisce collegamenti rapidi su rotaia e a prezzi competitivi, con il vantaggio di non dover pesare il bagaglio e di poter raggiungere direttamente il centro città (per altre info sull’alta velocità cliccate qui)

La minaccia rappresentata dai nuovi treni per quanto riguarda l’economia e il business dei trasporti è stata lanciata anche dall’amministratore delegato di Alitalia Gabriele Del Torchio, che prima dell’ingresso nel Gruppo di Poste Italiane cercava una soluzione per risollevare le sorti della compagnia aerea.

L’offerta in termini di risparmio di tempo e di denaro che ormai i treni possono offrire risultano quindi essere una serie minaccia per gli aerei, almeno per quanto riguarda le tratte breve che possono quindi essere raggiunte su rotaia (per altre info sulle offerte dei treni cliccate qui). Non solo quindi Ryanair e le compagnie low cost ma anche quelle di bandiere e con una forte tradizione alle spalle si stanno muovendo per rendersi più competitive.

photo credit: Paolo Margari via photopin cc